ANEMIA

L’anemia è una condizione clinica caratterizzata dalla diminuzione della quantità totale di emoglobina (Hb), trasportata dai globuli rossi (RBC), al di sotto dei valori di riferimento. La riduzione del contenuto di Hb spesso è associata alla diminuzione del numero di RBC e dell’ematocrito (Hct).

L’emoglobina contenuta all’interno degli eritrociti è necessaria al trasporto ed al rilascio dell’ossigeno dai polmoni al resto dell’organismo. Senza un sufficiente approvvigionamento di ossigeno, molti tessuti e organi in tutto l’organismo possono andare incontro ad eventi avversi.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) sancisce che l’anemia è una riduzione del livello di emoglobina sotto a 12 gr/dl. Una successiva classificazione ne definisce la gravità e la suddivide in grado lieve (Hb tra 12 gr/dl e 10 gr/ dl), moderato (Hb tra 10 e 8 gr/dl) e severo (< 8 gr/dl).

 

CAUSE

L’anemia è scatenata da numerose cause, la maggior parte delle quali può essere raggruppata sotto tre meccanismi principali:

  • Perdita di sangue (sanguinamento eccessivo)
  • Inadeguata produzione di globuli rossi
  • Eccessiva distruzione di globuli rossi

 

TIPI DI ANEMIA PIU’ COMUNI

Possiamo identificare alcuni tipi di anemia tra quelle più comuni:

  • Anemia da carenza di ferro (sideropenica), legata alla mancanza di ferro che determina la riduzione della quantità di Hb. Probabilmente legata anche ad una dieta povera di ferro o ridotto assorbimento di ferro.
  • Anemia da deficit di vitamine del gruppo B, a causa della mancanza di tali vitamine (B12 e folati), i globuli rossi non maturano come farebbero normalmente, ne consegue una riduzione del loro numero. Le probabili cause possono essere legate ad una dieta a basso contenuto di vitamine del gruppo B o, infine, un diminuito assorbimento di vitamine del gruppo B.
  • Anemia anaplastica, il midollo osseo non è in grado di produrre un numero sufficiente di globuli rossi, a causa di terapie antineoplastiche, o per esposizione a tossine, per malattie autoimmuni o anche infezioni virali.
  • Anemia emolitica, i globuli rossi sono distrutti in maniera più veloce rispetto alla capacità di ricostituzione midollare. Le cause probabili possono essere ereditarie (anemia falciforme, talassemia), legate a malattie autoimmuni o anche ad alcuni farmaci (penicillina)
  • Anemia da disordine cronico, numerose patologie croniche possono causare la diminuita produzione di globuli rossi: malattie renali, artride reumatoide, diabete, morbo di Crohn, cancro, HIV.

 

SINTOMI

Sebbene siano dovute a cause differenti, i segni e i sintomi di diversi tipi di anemia possono essere molto simili. Le forme lievi o moderate di anemia possono tuttavia essere caratterizzate dalla presenza di pochi, o addirittura nessuno, dei più comuni segni o sintomi, di seguito elencati:

  • Sensazione generale di stanchezza o debolezza (astenia)
  • Mancanza di energia
  • Pallore della cute e delle mucose
  • Vertigini
  • Mal di testa

Altri segni e sintomi che possono svilupparsi o rendersi evidenti con l’aggravarsi dell’anemia includono: sensazione di freddo o di intorpidimento delle mani o dei piedi, difficoltà respiratorie (dispnea); aumento della frequenza cardiaca (tachicardia), irregolarità del ritmo cardiaco e dolore toracico.

 

DIAGNOSI

Per una corretta diagnosi gli esami più comuni sono:

  • Emocromo
  • Sideremia
  • Transferrina
  • Ferritina
  • Dosaggio Acido folico e Vitamina B12 (le cui carenze possono accompagnare varie forme di anemia)

 

I contenuti a disposizione degli utenti hanno finalità esclusivamente divulgative ed informative, non costituiscono motivo o strumento di autodiagnosi o di automedicazione, non sostituiscono assolutamente la consulenza di uno specialista.