CHECK-UP TROMBOFILIA

Si definisce Trombofilia la predisposizione alla formazione di trombi (venosi e/o arteriosi) in età giovanile (<50 anni) senza cause apparenti e con tendenza a recidivare.

Il trombo è un coagulo che si forma all’interno di un vaso sanguigno, aderisce alla sua parete e lo ostruisce in maniera parziale o totale. La quasi totalità di queste trombofilie ha una base genetica. Molte sono estremamente rare nella popolazione generale, alcune più frequenti. Spesso il manifestarsi di eventi trombo-embolici nei soggetti predisposti è favorito dall’aggiungersi di altri fattori di rischio come l’assunzione di estro progestinici o la immobilità prolungata, interventi chirurgici ginecologici ed urologici, traumi.

La ricerca dei difetti trombofilici prevede l’esecuzione di numerosi test abbastanza complessi e costosi. Si ricorre di solito a dei test funzionali a scopo di screening e a test genetici per alcune esigenze di conferma.

Esistono condizioni cliniche in cui i test funzionali possono essere alterati in modo aspecifico per cui non è consigliabile eseguire l’indagine. Tra queste citiamo la terapia estro progestinica, lo stato di gravidanza, le gravi epatopatie e malattie acute intercorrenti, la terapia anticoagulante. Eventuali risultati alterati in queste situazioni non possono essere ritenuti attendibili e costituiscono uno spreco di risorse. Nel caso di riscontro di difetti eredo-familiari è indicato estendere l’indagine ai consanguinei.

Per maggiori informazioni chiamare al numero 06/2008889 o al numero 06/2009260 dal lunedì al venerdì dalle ore 11 alle ore 19.